BEN ARRIVATO SUL BLOG DEDICATO AGLI INGEGNERI MECCANICI

Pietro Pometti Ingeup

Ciao sono Pietro Pometti,

Amministratore Delegato di People Design Srl, azienda di progettazione meccanica, specializzata in attività di sviluppo progetti in co-design con i nostri clienti

L’azienda nasce nel 2008 da una domanda latente dei nostri clienti che avevano difficoltà e perdita di efficienza nel gestire le attività di outsourcing da remoto.

Prima Però Voglio Raccontarti Una Cosa…

Otto anni fa ho lasciato il mio lavoro da dipendente e messo 10.000€ dei miei ultimi risparmi in una cassa comune assieme ai miei soci Denis e Francesco, con i quali avevo lavorato assieme per anni in PTC, una multinazionale americana leader nella commercializzazione di software per la progettazione meccanica.

Tutti e tre avevamo un SOGNO!

Continua a Leggere >

SOGNI E ASPIRAZIONI: le regole per superare i nostri limiti!

 

 

Cari ragazzi,

oggi voglio parlarvi di aspirazioni! Tutti  avevamo dei sogni che continuiamo ad inseguire o che con il trascorrere del tempo si sono affievoliti.

Quando sogni ed obiettivi hanno significato, diventano intenzioni. Alcune persone trovano i propri obiettivi da giovani ed altre ci impiegano più tempo.

VI TORNA?

E se tutti, prima o poi, da bambini, abbiamo almeno sognato di andare a esplorare lo spazio, son poi pochi, anzi pochissimi, quelli che lo fanno davvero. Luca Parmitano è uno di quelli che ce l’ha fatta! Dalla Sicilia al cosmo, il tragitto non è stato facile…
 
lancia-delta-storia-rally-ingeup

 

LUCA E’ IL PRIMO ASTRONAUTA ITALIANO A COMANDARE LA STAZIONE SPAZIALE INTERNAZIONALE!!!

Continua a Leggere >

Elon Musk: che geniaccio!

Elon Musk, robotica e pensiero: il microchip nel cervello che potenzia corpo e mente.

Cari ingegneri, avete sentito parlare della nuova idea di Elon Musk che riguarda la robotica e il pensiero umano?

foto-ingeup-neuralink

Elon Musk non si ferma mai, la sua abitudine è ormai quella di stupirci ogni giorno. Sembra quasi un ossimoro, una specie di paradosso, ma davvero ormai le sorprese che ci riserva stanno diventando il suo pane quotidiano, e anche il nostro.

 

L’ingegneria dei robot applicata al nostro cervello umano: di cosa si tratta?

 

Elon Musk, dopo Space X, Tesla, PayPal, Gigafactory e altre ambiziosi progetti, si è lanciato nella robotica per aiutare chi ha subito danni neurologici e permettere loro di usare il computer e smartphone in sostituzione di attività svolte prima dal proprio cervello.

 

Continua a Leggere >

GENERATIVE DESIGN: “È giunto il momento in cui le nostre menti necessitano di un upgrade”

 

Cari ragazzi,

vi è mai capitato di pensare “non sono mai riuscito a lavorare su un progetto di design per molto tempo, mi sarebbe piaciuto analizzare diverse  possibilità per evolvere il mio prodotto in una nuova direzione”?

«I limiti sono fatti per essere superati». Diceva Tony Stark, nel primo film della fortunata serie «Iron Man».

Se avete fatto queste riflessioni è arrivato il momento di dare un’occhiata al Generative Design.

LE ASPETTATIVE sul Generative Design sono ELEVATE e  mirano a RIDEFINIRE GLI ATTUALI PARADIGMI PROGETTUALI.



lancia-delta-storia-rally-ingeup

 

Ma vediamo insieme di cosa si tratta…

Grazie al Generative Design il computer aiuta a generare delle opzioni progettuali prendendo in considerazione gli obiettivi e utilizzando il cloud computing per creare un incredibile numero di soluzioni per la progettazione.

 

In sostanza, con il design generativo diciamo al computer: “non conosco la soluzione ma so come circoscrivere il problema”. Si inizia il processo fissando i limiti (come i carichi o i punti di fissaggio) e le preferenze (come il peso, i fattori di sicurezza e le tecniche di fabbricazione).

A questo punto, il design generativo sfrutta la forza e la velocità del cloud per esplorare ogni opzione geometrica, fornendo centinaia (se non migliaia) di soluzioni sulla base dei materiali, dei processi di fabbricazione e dei requisiti di prestazione. Una volta compresa la miriade di soluzioni esistenti per risolvere un problema di progettazione, è possibile scegliere quelle ritenute più sensate per il progetto in questione.

 

FINALMENTE UN PROBLEM SOLVER: L’ASSISTENTE CHE VI CONCEDE IL TEMPO PER LA GENERAZIONE DI IDEE INNOVATIVE !!!

ATTENZIONE PERO’!!!

Continua a Leggere >

L’INCREDIBILE STORIA DEL RALLY!

 

Cari ragazzi,

conoscete la storia del rally e delle categorie? È un racconto avvincente!

Ascoltate… andiamo per punti:

lancia-delta-storia-rally-ingeup

Anni ‘60

 

Fino alla prima metà degli anni sessanta, il concetto stesso di rally è vago e questa tipologia di gara vive il suo periodo pionieristico: chiunque ha un’auto può disputare e vincere una di queste corse, basate sulla resistenza delle vetture e non sulla velocità impressa dai piloti. In quegli anni, il livello tecnico delle auto e le condizioni della viabilità sono tali che il solo fatto di completare percorsi di un migliaio di chilometri, a medie di 40-50 all’ora, rappresenta un’impresa.

 

saab-rally-anni-60-ingeup

Continua a Leggere >

FORTE, TAGLIENTE, DETERMINATO: SEMPLICEMENTE NIKI!

 

 

Cari ragazzi,

come tutti sapete, pochi giorni fa il mondo dei motori ha subito un grave lutto. Niki Lauda, UNO TRA I MIGLIORI PILOTI DI SEMPRE, ci ha lasciati all’età di 70 anni.

Niki Lauda se n’è andato e quello che lascia, insieme al ricordo dei suoi successi, è un vuoto nel mondo della Formula 1. Perché lui, semplicemente, è stato ed era la Formula 1: una curva, un rettilineo, un sorpasso, il rombo di un motore, la lucida freddezza del pilota, il coraggio, la meticolosità, l’attenzione, la determinazione.

UNA PERSONA COSÌ NASCE OGNI DUE GENERAZIONI E FORSE NEMMENO. UNICO.

 vulcan-fury-sicilia-ingegneria-ingeup

 

Era soprannominato «il computer» per la sua meticolosità e la sua capacità di individuare anche il più piccolo difetto della vettura che guidava. Di lui molti ricordano il drammatico incidente sul circuito del Nurburgring nell’agosto del 1976 che gli lasciò il volto sfigurato. Ma, dopo solo 40 giorni, è tornato in pista sottolineando come la l’auto si «guida con il sedere» e non con la faccia. 

Continua a Leggere >

CARUSI CHI CI STATU SPITTANNU? ANNACATIVI! :-)

A Catania, gli studenti della Facoltà d’Ingegneria, progettisti di auto, vogliono partecipare alla Shell eco-marathon Europe 2019 e tentano il crowdfunding per reperire i fondi!

 

Un cuore da appassionati, una mente da visionari, un futuro da progettisti automotive. Sono loro a lottare per fare emergere l’eccellenza del Sud Italia.

 

IL PROBLEMA? SERVONO I SOLDI

 

 vulcan-fury-sicilia-ingegneria-ingeup

 

Il progetto di Crowdfunding degli studenti siciliani. «Vogliamo volare a Londra, serve più aiuto da Unict».

 

Il team di universitari Eco-Hybrid Katane parteciperà anche quest’anno alla Shell eco-marathon Europe 2019, la competizione automobilistica annuale per squadre provenienti da Europa e Africa, che si terrà a Londra dal 2 al 5 luglio.

Continua a Leggere >

‘’TU CHIAMALE SE VUOI EMOZIONI’’, UNA NUOVA ERA NEL FUTURO DELLA GUIDA!

 

Cari ragazzi,

METTETEVI COMODI… ho una news che riguarda il futuro della guida!

Negli ultimi mesi abbiamo parlato di guida autonoma e di auto connesse che avranno la capacità di rapportarsi con l’ambiente circostante e con le altre vetture. Si tratta di un nuovo orizzonte della guida che sembra essere ancora lontano.

 

LA STRADA E’ ANCORA LUNGA, CI TOCCHERÀ ATTENDERE

 

marte_ingeup_1

 

Non ci siamo soffermati però su un punto molto interessante: gli studi legati alla capacità dell’auto di leggere il nostro stato d’animo, di comprendere le nostre emozioni per intervenire in eventuali situazioni di pericolo.

 

Continua a Leggere >

VIVERE SU MARTE? STIAMO CON I PIEDI “PER TERRA”!

 

Cari ingegneri…

 

il Piero Angela della TV statunitense esiste, ha sessantadue anni e si chiama Bill Nye: è un ingegnere meccanico diventato un famoso divulgatore scientifico! E sostiene fermamente che “l’idea di vivere stabilmente su Marte è assolutamente folle”.

 

Forse l’età, forse l’ingegneria, lo rendono sicuramente meno pazzo di Elon Musk, l’imprenditore milionario che ha fondato Tesla e ha rivoluzionato il settore spaziale con SpaceX e che è a caccia di nuove tecnologie per colonizzare il pianeta rosso! “Al 70% andrò su Marte, e sarà per restarci”.

 

marte_ingeup_1 marte_ingeup_2

 

Vivere su Marte? E’ possibile MA…. Ci sono 5 PROBLEMI!

 

Secondo Bill Nye l’uomo non potrà mai abitare su Marte, non perché ciò non sia effettivamente possibile, ma perché (diciamocelo) … ‘gna fa! 

 

Ecco le 5 ragioni pratiche che ha identificato:

 

1 – PRIMA IMPARA AD ALLACCIARTI LE SCARPE:
“Ci stiamo dimostrando incapaci di prenderci cura del pianeta sul quale viviamo, pur essendo perfettamente adatti a stare qui, figuriamoci se possiamo badare a un altro mondo”.

 

Continua a Leggere >

AUTO GREEN: IN ARRIVO IL NUOVO COMBUSTIBILE AD ACQUA… ENNESIMA BUFALA?

 

 

Cari ragazzi,

eccomi con una notizia ‘FRESCA FRESCA’ di stampa…

 

Electriq Global, una startup con passaporto israeliano e australiano, ha presentato allo scorso Smart Mobility Summit di Tel-Aviv una soluzione che si serve dell’acqua per alimentare un powertrain per auto elettriche. Il tutto con zero emissioni allo scarico, costi di gestione inferiori e maggiore autonomia rispetto alle migliori auto elettriche o a idrogeno oggi in commercio.

Secondo l’innovativo sistema, i veicoli saranno alimentati da Electriq-Fuel, un combustibile costituito per il 60% da acqua  in grado di rilasciare idrogeno quando sottoposto ad un processo di catalisi (mediante un catalizzatore presente a bordo vettura) e soprattutto di essere riciclata alla fine della reazione chimica.

 

 

ai-intelligenza-artificiale-ingeup

 

SOSTENIBILITÀ E PRESTAZIONI DI PRIMO LIVELLO… PURISSIMA ALTISSIMA POWERISSIMA!

 

Continua a Leggere >

AUTO CONNESSE: ‘L’INTERNET DELLE COSE’ GUIDA IL FUTURO DEL MERCATO DELL’AUTOMOBILE

ai-intelligenza-artificiale-ingeup

 

E noi siamo già connessi ?

 

La grande RIVOLUZIONE DIGITALE  è iniziata nel momento in cui masse di utenti hanno iniziato a collegare il proprio pc alla Rete utilizzandolo per navigare online alla ricerca di notizie, risorse e per scambiare informazioni con altre persone. I computer hanno così iniziato a dialogare, creando un numero di connessioni sempre più grande.

La stessa cosa sta per avvenire nel mondo dell’automotive, le auto stanno per essere connesse al fine di restituire una esperienza di guida migliore, ma anche per contribuire alla creazione di una intelligenza connettiva che ha la forma della rete stradale.

Le auto diventano bit che viaggiano su un circuito, usano i propri sensori per monitorare il proprio contesto e si fanno strumenti di elaborazione per migliorare il risultato dell’intero sistema stradale.

 

Ragazzi siete sul pezzo? avete capito bene… 

LA RETE STRADALE DEL FUTURO NON SARÀ SOLTANTO ASFALTO !

 

Continua a Leggere >