LA RIVOLUZIONE DELL’ADDITIVE MANUFACTURING

3d printing people design

 

(Fonte Data Manager Online)

Siemens sta alzando il tiro nell’additive manufacturing, sviluppando soluzioni per creare geometrie ottimizzate dal punto di vista funzionale che sarebbe impensabile realizzare con metodi di progettazione e produzione tradizionali.

 

“Sfide di progettazione e produzione finora irrisolvibili diventano assolutamente fattibili grazie a queste nuove tecnologie software e di produzione.”

 

La tecnologia Convergent Modeling, unita al nuovo software avanzato per l’additive manufacturing, consentirà di “ridisegnare” qualsiasi oggetto per ottenere prestazioni ottimali a un costo inferiore. Inoltre, la possibilità di stampare in 3D una forma ottimizzata consente di ridurre il numero di parti di un assieme e, conseguentemente, diminuirne il peso e aumentarne la resistenza.

Molti settori industriali, dall’automobilistico, all’aerospaziale, ai dispositivi medicali, potranno beneficiare di un notevole valore aggiunto.

 

Tuttavia esiste un problema…

 

Continua a Leggere >

MOBILITÀ ELETTRICA, A CHE PUNTO SIAMO IN ITALIA

mobilità-elettrica

 

A che punto siamo in Italia con la E-Mobility?

Il Libro Bianco di Start Magazine e CEI CIVES tenta di fare il punto della situazione.

(Fonte Start Magazine)

Dal 2016 Start Magazine, in collaborazione con CEI CIVES (Commissione Italiana Veicoli Elettrici a Batteria, Ibridi e a Celle a Combustibile), ha inaugurato un focus permanente sulla mobilità elettrica in Italia, i cui risultati sono raccolti periodicamente in un Libro Bianco. Si tratta dunque di un tentativo di fotografare la situazione del settore nel nostro Paese, aggregando una serie di dati e studi.
Nell’ultimo anno il lavoro ha messo in evidenza un unico leitmotiv: il bisogno di continuare a lavorare per far crescere una sensibilità più diffusa dei benefici ambientali e in prospettiva economici della mobilità elettrica.

“nonché la forte necessità di trovare idee per creare occupazione”.

 

Prima però di addentrarci nell’analisi del mercato elettrico italiano, delle misure a sostegno delle auto a batteria e del Piano Nazionale di Ricarica Elettrica, è necessario fare delle premesse sullo sviluppo della mobilità nazionale e su come essa si differenzi dal resto dell’Europa, influenzando così anche gli sviluppi futuri e i posti di lavoro.

 

MA ECCO UN PROBLEMA!

L’Italia è un paese a parte

 

Continua a Leggere >