LA LONTANANZA È COME IL VENTO: I PROBLEMI DELL’INGEGNERE DI IERI, OGGI E DOMANI

ciao-emigrare-lavoro

 

“La lontananza sai è come il vento

che fa dimenticare chi non s’ama

è già passato un anno ed è un incendio,

che brucia l’anima”.

Domenico Modugno 1970

 

Adoro ripercorrere i luoghi comuni e riscoprire che tutto ciò che sta accadendo in realtà è già successo, ne hanno scritto i giornali e ne hanno cantato i poeti.

Quanto è lontana la società italiana, la politica e l’istruzione dei nostri istituti scolastici dalla realtà di oggi e quanto lo sarà fra 5 anni.

 

Emigrare in cerca di lavoro: ieri, oggi e domani

 

Nel 1970 le persone già migravano al nord in cerca di lavoro per sfamare la FAMIGLIA. Si cantava della lontananza che brucia l’anima!

Oggi molti africani attraversano il mare in gommone, le alpi d’inverno con scarpe da tennis, in cerca di lavoro. Come noi italiani 50 anni fa…

Noi italiani scappiamo all’estero attirati da opportunità di lavoro meglio pagate e più gratificanti.

Continua a Leggere >

BATTERIE CON OCCHI A MANDORLA: INIZIARE A PRODURLE IN EUROPA O CIAO CIAO LAVORO!

electric_car_system

 

Cari ingegneri, i produttori europei di auto elettriche sostengono che è fondamentale produrre batterie in Europa: in gioco quasi 13 MLN di posti di lavoro! (SAREBBE BELLO?)

 

Il futuro del settore Automotive in che mani andrà?

 

Il futuro del settore Automotive è stato discusso al Salone dell’auto di Francoforte. Un futuro che si incentra su due temi principali:

  • quello delle auto autonome (speriamo!)
  • quello delle vetture elettriche.

 

A catturare l’attenzione di CLEPA, l’associazione che riunisce i produttori europei di auto e non solo, è il secondo punto. Il suo presidente evidenzia come il passaggio dalle auto a combustione a quelle elettriche potrebbe comportare un grande problema: metterebbe a rischio moltissimi posti di lavoro in Europa.

Questo a meno che non si inizi a produrre qui le batterie per i nuovi veicoli!

 

Ragazzi, in Europa non vogliamo proprio svegliarci…

Come al solito i nostri amici con gli occhi a mandorla ci danno la paga su questi temi!!!

 

“Dobbiamo garantire un periodo di transizione che non porti regali indesiderati ai nostri amici cinesi”

ha spiegato Vavassori stimando che i produttori di auto europei stanno pagando da 4000 a 7000 euro alla Cina per le batterie di ogni veicolo elettrico.

 

Inutile dire che il giro d’affari europeo collegato all’auto è vastissimo, con 12,6 milioni di posti di lavoro complessivi, il 5,7% del totale in UE!!!

 

to_work_or_not

 

Continua a Leggere >

GAME OF THRONES E LE FALSE PROMESSE DI ASSUNZIONE

game-of-thrones

 

Per sei lunghi anni ce l’hanno ripetuto: “l’inverno sta arrivando”.

 

Il tormentone di Game Of Thrones ci ha perseguitati, terrorizzati, preparati a qualcosa di completamente diverso da quanto avevamo conosciuto fino a quel momento. E così è stato!
Perché ora l’inverno è arrivato e nella nuova serie TV tratta dai romanzi di George R.R. Martin tutto è cambiato.

 

Si tratta di una metafora di ciò che succede anche nella realtà, nel mondo dei colloqui di lavoro.

 

La testimonianza recente di un nostro progettista meccanico

 

“Pietro ho bisogno di parlarti, intanto ti scrivo e poi ti chiamo.

Provo a spiegartelo: per una serie di ragioni, io non ho accettato l’assunzione qui in XYZ, perché mi hanno promesso delle cose che poi non hanno mantenuto… così per dispetto non mi prolungano la RDA e quindi a fine marzo mi rilasciano.

Ti volevo chiedere scusa per il disagio che ti ho causato abbandonando il progetto su cui mi avevi inserito 3 mesi fa… e quindi avevi ragione tu.
Perdonami, ho fatto una gran cavolata
Mi hanno promesso mari e monti per farmi arrivare prima possibile e poi adesso mi cacciano perché non ho accettato i compromessi!

Quello che si sta verificando in questi primi mesi dell’anno lo trovo ingiusto.
Stiamo sostenendo un turnover esagerato, è “il mercato” dicono.
Ma quale mercato!!!

Ti spiegherò tutto con calma a voce”.

 

Ragazzi, non fatevi tentare dalle sirene.

Ecco alcuni suggerimenti.

 

Continua a Leggere >