Elon Musk: che geniaccio!

Elon Musk, robotica e pensiero: il microchip nel cervello che potenzia corpo e mente.

Cari ingegneri, avete sentito parlare della nuova idea di Elon Musk che riguarda la robotica e il pensiero umano?

foto-ingeup-neuralink

Elon Musk non si ferma mai, la sua abitudine è ormai quella di stupirci ogni giorno. Sembra quasi un ossimoro, una specie di paradosso, ma davvero ormai le sorprese che ci riserva stanno diventando il suo pane quotidiano, e anche il nostro.

 

L’ingegneria dei robot applicata al nostro cervello umano: di cosa si tratta?

 

Elon Musk, dopo Space X, Tesla, PayPal, Gigafactory e altre ambiziosi progetti, si è lanciato nella robotica per aiutare chi ha subito danni neurologici e permettere loro di usare il computer e smartphone in sostituzione di attività svolte prima dal proprio cervello.

 

Continua a Leggere >

GENERATIVE DESIGN: “È giunto il momento in cui le nostre menti necessitano di un upgrade”

 

Cari ragazzi,

vi è mai capitato di pensare “non sono mai riuscito a lavorare su un progetto di design per molto tempo, mi sarebbe piaciuto analizzare diverse  possibilità per evolvere il mio prodotto in una nuova direzione”?

«I limiti sono fatti per essere superati». Diceva Tony Stark, nel primo film della fortunata serie «Iron Man».

Se avete fatto queste riflessioni è arrivato il momento di dare un’occhiata al Generative Design.

LE ASPETTATIVE sul Generative Design sono ELEVATE e  mirano a RIDEFINIRE GLI ATTUALI PARADIGMI PROGETTUALI.



lancia-delta-storia-rally-ingeup

 

Ma vediamo insieme di cosa si tratta…

Grazie al Generative Design il computer aiuta a generare delle opzioni progettuali prendendo in considerazione gli obiettivi e utilizzando il cloud computing per creare un incredibile numero di soluzioni per la progettazione.

 

In sostanza, con il design generativo diciamo al computer: “non conosco la soluzione ma so come circoscrivere il problema”. Si inizia il processo fissando i limiti (come i carichi o i punti di fissaggio) e le preferenze (come il peso, i fattori di sicurezza e le tecniche di fabbricazione).

A questo punto, il design generativo sfrutta la forza e la velocità del cloud per esplorare ogni opzione geometrica, fornendo centinaia (se non migliaia) di soluzioni sulla base dei materiali, dei processi di fabbricazione e dei requisiti di prestazione. Una volta compresa la miriade di soluzioni esistenti per risolvere un problema di progettazione, è possibile scegliere quelle ritenute più sensate per il progetto in questione.

 

FINALMENTE UN PROBLEM SOLVER: L’ASSISTENTE CHE VI CONCEDE IL TEMPO PER LA GENERAZIONE DI IDEE INNOVATIVE !!!

ATTENZIONE PERO’!!!

Continua a Leggere >